• Ingrandisci carattere
  • Dimensione predefinita
  • Riduci carattere

Windows 7 ed Outlook

E-mail Stampa

Se state pensando di aggiornare il vostro computer a Windows 7 o di installare Outlook su una macchina dove questa versione di sistema operativo è già installato, allora questo articolo vi potrà essere utile.

Sicuramente il passaggio risulterà meno problematico di quanto non lo fosse stato con un aggiornamento a Windows Vista (la versione precedente a Windows 7), ma qualche punto di attenzione rimane e vale la pena prenderne visione prima di effettuare l'aggiornamento. In questa guida troverete non solo indicazioni per preparare ed affrontare l'aggiornamento ma anche vari suggerimenti che riguardano le variazioni che l'utente potrebbe incontrare nell'utilizzo congiunto di Outlook e Windows 7.

 

 

 

Versioni di Outlook compatibili con Windows 7

Ufficialmente sono supportate in Windows 7 solamente le ultime versioni: Outlook 2003 ed Outlook 2007. Non si tratta di una situazione molto differente da Windows Vista, che allo stesso modo non supporta le versioni precedenti e più vecchie di Outlook. Si può comunque tentare l'installazione di una versione precedente ad Outlook 2003 ma si riscontreranno sicuramente una serie di problemi ed anomalie (vedere articolo scritto per Windows Vista, ma applicabile anche a Windows 7).

Da segnalare che in aggiunta a questi requisiti, anche con Outlook 2003 ed Outlook 2007 sono stati rilevate alcune "compatibility issues" nell'utilizzo con windows 7, ma la maggior parte di queste sono già state affrontate e corrette negli ultimi Service Pack di Office. Diventa quindi opportuno, prima di utilizzare Outlook su Windows 7, assicurarsi di avere installato almeno il Service Pack 3 di Office 2003 (se si utilizza Outlook 2003) o il Service Pack 2 di Office 2007 (per l'utilizzo di Outlook 2007). Il consiglio è comunque quello di tenere aggiornate le proprie postazioni provvedendo all'installazione dei Service Pack più recenti ed aggiornamenti di versione; è da ricordare che attraverso Windows Update è possibile scaricare ed installare non solo gli aggiornamenti del sistema operativo ma anche quelli degli applicativi Microsoft (e tra questi è incluso Office/Outlook) e questo articolo ne approfondisce il contesto.

 

Aggiornamento da Windows XP

Se si effettua un aggiornamento da Windows XP di fatto viene avviata una nuova installazione di Windows 7 perchè non è previsto il trasferimento automatico di applicazioni, settaggi e files (come invece è previsto per aggiornamenti da Windows Vista). Prima di procedere è quindi necessario provvedere ad un backup di tutti i files e di tutte le informazioni di configurazione di Outlook (sia dei profili che degli account) perchè queste andranno inserite nuovamente nella nuova installazione.

A dire il vero esiste un'applicazione pensata per il trasferimento di files e settaggi da Windows XP a Windows 7, chiamata Windows Easy Transfer (WET) o Trasferimento dati Windows (nelle versioni italiane di Windows), ma sebbene funzioni egregiamente per molti programmi è da rilevare che nel trasferimento delle informazioni di Outlook sono più i casi di fallimento che quelli di successo. In diverse occasioni i problemi rilevati sono stati minimi e si sono risolti ricreando il profilo di Outlook, ma in altri casi è stato segnalato un mancato trasferimento dei files PST di Oulook (che sono quei files che contengono tutte le email, i Contatti ed il Calendario), che in queste condizioni vengono perduti. Non affidatevi quindi alle funzionalità di backup e restore di WET per la parte di Outlook: provvedete ad un backup manuale delle informazioni (mi riferisco a quelle relative ad Outlook); trovate diversi articoli e guide in proposito, sia per salvare i files principali con gli archivi e la configurazione di account e profili, sia per le informazioni aggiuntive come Firme e Modelli.

Sul mercato esistono anche strumenti dedicati al backup di Outlook e che funzionano perfettamente per il ripristino anche in questi casi. Un elenco di questi si può trovare in fondo a questo articolo:

http://www.msoutlook.it/index.php?option=com_content&view=article&id=10
"Le procedure di backup"

 

Aggiornamento da Windows Vista

Quando si effettua un aggiornamento da Windows Vista è possibile effettuare una sostituzione diretta del sistema operativo mantenendo le installazioni precedenti (tranne che in qualche specifico caso, per esempio sono esclusi i cambi di piattaforma da 32 a 64 bit). Programmi, files ed impostazioni saranno automaticamente trasferite a Windows 7 permettendone l'utilizzo subito dopo aver concluso il processo di aggiornamento.

Anche in questo caso è comunque consigliato effettuare un backup prima dell'aggiornamento (non solo di Outlook ma di tutta la macchina) e trascrivere i settaggi principali. La sicurezza non è mai abbastanza...

Prima di iniziare l'aggiornamento è possibile lanciare un'analisi con Windows 7 Upgrade Advisor, uno strumento in grado di indicare quali driver ed applicazioni avranno necessità di essere rimosse o aggiornate prima dell'upgrade o subito dopo. Questo permette di accelerare il processo di aggiornamento, la sua probabilità di successo e diminuire i casi di fallimento o di intervento correttivo per ripristinare le condizioni di utilizzo di tutte le applicazioni. Se avete installato Windows Mobile Device Center (la versione italiana è Centro gestione dispositivi Windows Mobile) per sincronizzare i vostri dispositivi mobili (cellulari, palmari, ecc.), accertatevi di averlo rimosso prima dell'aggiornamento: è uno di quelli che potrebbe avere qualche problema.

 

Componenti aggiuntivi

Prima di effettuare l'aggiornamento controllate l'elenco dei componenti aggiuntivi installati in Outlook ed accertatevi che siano compatibili anche con Windows 7. Molti di questi probabilmente lo saranno già, visto che in molti aspetti in nuovo sistema operativo è molto simile a Windows Vista e che molti requisiti di compatibilità per i componenti aggiuntivi sono vincolati alla versione di Outlook e non a quella di Windows. Ad ogni modo, visto che alcuni componenti interagiscono anche con infrastrutture ed applicazioni al di fuori di Outlook è buona cosa controllare con il fornitore se sia disponibile un aggiornamento anche per i singoli add-in.

Se rilevate problemi già all'avvio di Outlook subito dopo l'aggiornamento, provate a disattivare i componenti aggiuntivi ed iniziate a verificare se questi ne sono la causa.

Un buon articolo che vi permette di individuare quali componenti sono installati ed eventualmente come disattivarli è questo:

http://www.msoutlook.it/index.php?option=com_content&view=article&id=37
"Come fare ad individuare l'elenco dei Componenti Aggiuntivi caricati in Outlook"

 

Integrazione con antivirus

Una delle prime cose che normalmente viene fatta dopo l'installazione del sistema operativo è l'installazione di un antivirus, a protezione del computer. Alcuni antivirus possiedono delle estensioni specifiche (componenti aggiuntivi) che si possono installare anche in Outlook, ma per l'esperienza di chi scrive questo articolo questa operazione può creare più problemi che vantaggi. Tranne che per qualche caso particolare il consiglio che mi sento di dare è di NON INSTALLARE il componente specifico per Outlook a patto che sia almeno installata la parte di antivirus che controlla il resto del computer (accesso a file, alla memoria, all'avvio di script ed eseguibili). Non si tratta tanto di un'indicazione da tenere in considerazione solo per l'aggiornamento a Windows 7 o a una versione specifica di Outlook ma di un consiglio generale nell'utilizzo di Outlook stesso.

I motivi di questo suggerimento sono principalmente due:

  • esistono diversi problemi noti legati al funzionamento di componenti antivirus (o virus scanners) all'interno di Outlook, che vanno dal degradamento delle prestazioni dell'applicativo alla generazione di errori nell'invio e ricezione, dall'alterazione dei messaggi e corruzione di alcuni elementi fino alla completa perdita di alcuni dati.
  • il livello di sicurezza contro i virus può essere sufficiente a garantire protezione per l'utente medio pur disattivando il componente di integrazione con Outlook se l'antivirus risulta aggiornato, affidabile e se rimane in funzione la parte di servizio "on-access" (quindi le funzioni citate sopra: controllo dell'accesso a file, alla memoria e dell'avvio di script ed eseguibili).

Ognuno poi valuterà la propria situazione e "propensione al rischio", e deciderà se seguire il consiglio o meno. L'importante è ricordarsi che questo è un punto delicato e che in caso di problemi può valere la pena da subito verificare se la disattivazione del componente antivirus ha influenza.

 

Problemi noti dopo l'aggiornamento

Non sono da rilevare molti problemi noti dopo l'aggiornamento. Quello che potrebbe essere menzionato è il seguente (che si è presentato in qualche sporadico caso):

http://www.msoutlook.it/index.php?option=com_content&view=article&id=95
"Errore: Impossibile creare il file di lavoro"

 

Problemi con l'aggiornamento

Se l'aggiornamento non va a buon fine, oppure se volete installare Windows 7 su un'installazione "pulita", avete comunque la possibilità di farlo anche se siete in possesso della versione UPGRADE e non di una versione FULL. La procedura è la seguente.

Procedete con l'installazione riavviando il computer e facendo un boot dal DVD di Windows 7 (che dove necessariamente avere). Ora, invece di attivarlo, avviate direttamente il setup di Windows 7 dall'interno di Windows e scegliere di effettuare un aggiornamento. Al termine della procedura sarà possibile attivare Windows.

Se seguite questa procedura essendo in regola con i vincoli della versione di aggiornamento (quindi avendo una copia correttamente licenziata del precedente sistema operativo), il metodo è ufficialmente supportato e considerato lecito da Microsoft.

Dopo l'installazione e gli aggiornamenti si potranno riconfigurare profili ed account e ripristinare le informazioni ed i dati di outlook backuppati in precedenza.

 

Altre differenze che riguardano Outlook e Windows 7

Le principali variazioni nell'utilizzo coinvolgono prevalentemente gli utenti che provengono da Windows XP e che non hanno usato in precedenza Windows Vista o Windows 7, e di conseguenza non sono ancora abituati ad una diversa gestione dei permessi e delle credenziali che queste due versioni di sistema operativo hanno introdotto. E' per esempio possibile che Outlook venga avviato da un utente NON amministratore e che quindi alcune opzioni presentino qualche complicazione aggiuntiva. In questi casi potrebbe essere necessario un avvio di Outlook con credenziali amministrative (esiste il comando specifico "Esegui come Amministratore"), per esempio quando si vuole disattivare un componente aggiuntivo e non si hanno sufficienti diritti per scrivere nel Registry.

Per il resto non ci sono variazioni sostanziali nel funzionamento di Outlook.

  


 Questo articolo è una traduzione in lingua italiana. Potete trovare i riferimenti originali qui:
 

Autore / Author: HowTo-Outlook Team
Fonte / Source: HowTo-Outlook  (www.howto-outlook.com)
Titolo / Original title: Windows 7 and Outlook
Link: http://www.howto-outlook.com/faq/win7upgrade.htm
Lingua / Language: Inglese / English
Data / Date: 11/11/2009

   Nota: questo articolo è stato tradotto in lingua italiana con il permesso dell'autore.

   Note: this article was translated with author's permission. You can find original one and further updates at link above.

 

Ultimo aggiornamento ( Domenica 29 Novembre 2009 22:34 )